Codice della Strada: principali novità della modifica

Il testo del Codice della Strada, che era stato approvato alla Camera nel 2014, è stato ripreso recentemente dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Danilo Toninelli, per renderlo definitivo. Il nuovo disegno di legge delega è stato presentato al Consiglio dei Ministri, potrebbe essere modificato e per essere approvato necessita la convalida di entrambi i rami del Parlamento.

L’obiettivo è quello di semplificare e razionalizzare il testo, che include numerose disposizioni, per riscrivere un nuovo Codice della Strada contenente norme generali riguardanti i conducenti, le regole comportamentali, le violazioni e le relative sanzioni amministrative.

Le modifiche previste comprendono vari ambiti come l’edilizia, il lavoro, il turismo e appunto il Codice della Strada che si aggiungono a quelle già introdotte nei primi mesi della legislatura corrente come ad esempio il sistema di antiabbandono sui seggiolini auto per bambini.

Quali i punti principali?

Il governo chiede al parlamento di riscrivere completamente il testo attuale, che risale agli anni ’90, sulla base di alcuni principi fondamentali:

- Coerenza e armonizzazione con le normative nazionali, europee e internazionali

- Modifica delle sanzioni sulla base di principi di ragionevolezza, proporzionalità e effettività

- Semplificazione delle procedure di applicazione delle sanzioni pecuniarie e accessorie in merito a nuovi strumenti di controllo a distanza

- Revisione dei ricorsi in termini di velocità, efficacia ed efficienza della procedura

- Aumento delle sanzioni conseguenti a comportamenti molto pericolosi

- Tutela dei ciclisti

- Razionalizzazione delle procedure di modifica delle caratteristiche costruttive delle vetture in circolazione

Altri punti trattati:

Tra le modifiche più importanti previste dal nuovo Disegno di Legge, che riformula il Codice della Strada, c’è il reato di omicidio stradale. La modifica comporta l’identificazione dell’origine dolosa e non colposa dei colpevoli di omicidi stradali mortali in quanto identificati in stato di ubriachezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Cambiano anche le relative pene per questo reato, che passano dai precedenti 2-10 anni previsti per l’omicidio doloso, agli 8-18 anni con ritiro definitivo della patente di guida tramite il cosiddetto “ergastolo della patente”. Quest’ultimo prevede la revoca della patente a vita per chi ha commesso una grave violazione del Codice della Strada, in particolare in presenza di un tasso alcolemico elevato o sotto effetto di sostanze stupefacenti.

Nel nuovo disegno di legge inoltre si delega il Governo a sviluppare regolamenti sulle caratteristiche costruttive dei veicoli e dei trasporti eccezionali, sull’aggiornamento della segnaletica stradale, sui requisiti per ottenere a patente, sulle procedure di immatricolazioni e cessazione della circolazione ecc.

Altri ambiti introdotti sono: il ritiro della patente per chi fa utilizzo del telefonino mentre è alla guida, la sottrazione di punti dalla patente

In ogni caso però, i tempi di approvazione e di modifica del nuovo disegno di legge del codice della strada saranno lunghi.

title

Sei pronto per la tua prossima auto?

Richiedi subito un preventivo gratuito!

Richiedi subito un preventivo!



Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy


Chiedi un prestito per acquistare la tua nuova auto

Torna alla home